Elenco blog personale

giovedì 26 giugno 2014

dosgate monster


3 commenti:

  1. Kinowa appende la maschera al chiodo e si lascia cadere sulla sedia a dondolo, ammettendo la sconfitta: non è + possibile continuare a scalpare indiani - metropolitani e non - con tutti quei barbieri cinesi che lavorano dall'alba al tramonto , sette giorni su sette, e rapano a zero per cifre con cui non paghi una Margherita ed una Coca, a meno di scegliere un locale da pizza alta al trancio gestita da cinesi.
    Peccato perchè, per esempio, Phantom è un testimone che si passano i vari Walker da generazioni, tutti con lo stesso profilo da boxeur e con lo stesso fisico prestante e prestato alla lotta contro la pirateria. Kinowa sperava di cedere, prima o poi, la maschera da diavolo a quello scioperato del figlio, ma Kinotto ha in mente solo le gare di rutti in pizzeria con la sua posse di analfabeti di ritorno che non hanno mai letto Pecos Bill, il Grande Blek ed il Comandante Mark ( che credono il secondo del Comandante Schettino ndr ).
    Al crepuscolo si addormenta , come il Giovanni Drogo de Il Deserto dei Tartari, e sogna Ringhio Gattuso sul set dell'ennesimo film di Wolverine che litiga con Jackman e Bardem ( Logan nel prossimo Avengers ndr ) per chi abbia il diritto a pettinarsi come Mazinga , in una assurda parodia dello sketch di Guzzanti in cui si incontravano il Padre Pio della RAI e quello di Mediaset. Gattuso lo guarda dritto negli occhi e gli promette che indosserà la maschera da diavolo e continuerà a pettinare radicalmente i cattivi, che sia estratto il cartellino rosso oppure no. Il vendicatore dalla coccia lustra si sveglia di soprassalto quando Kinotto manca la porta del garage e cambia radicalmente il colore della fiancata della Toyota che papà finirà di pagare dopo che saranno terminate le ristampe a colori di Tex. Il rampollo si sganascia come un cavallo, ripieno di bumba come l'ubriacone nelle storie di Zagor. Kinowa lancia un'occhiata al suo coltellaccio. Sorride. Snikt !

    RispondiElimina
  2. I was working in the lab late one night
    When my eyes beheld an eerie sight
    For my monster from his slab began to rise

    RispondiElimina