Elenco blog personale

mercoledì 10 luglio 2013

vincent gallo


8 commenti:

  1. Non tutti sanno che SBE riteneva opportuna la trascrizione stenografica di tutti i brainstorming ( se ne occupava fino a qualche tempo fa il signor Mignacco, in grado, secondo la mia fonte, contemporaneamente di scrivere un soggetto per Mister No e un altro per Zagor ). Accedere a quelle informazioni - archiviate in un magazzeno che ha qualcosa del finale dei Predatori dell'Arca Perduta - non è facile, ma ne vale la pena. Dico solo che corrompere il guardiano mi è costato la restituzione delle tavole originali della saga texiana di Satanìa che avevo...preso in prestito tempo prima. Ecco un estratto della riunione tenutasi per discutere delle parabola discendente di Nick Raider.
    Nizzi ( papà del pulotto ) : " E' la serie che controlliamo maggiormente, ma non ingrana, non risale..."
    SBE: " Non mi ha mai convinto la sahariana "
    DanLuttazzi ( ha tradotto Dan Clowes x Dan Brolli e recentemente scritto un fumetto x Giacon ndr ): " Un nero che si chiama Brown, una mezza porzione di informatore, una fidanzata giornalista ed una figura paterna/mentore alla Gordon e con i baffi ! Dove è lo shock termico per il lettore ? La salutare scossettina ai neuroni ? "
    SBE: " Non mi ha mai convinto la attaccatura dei capelli: con Ramella sembra che porti un toupet di quelli che vendono in quel negozio di trucchi di carnevale davanti al Castello Sforzesco..."
    Mignacco: " Potremmo provare qualcosa come un detective senza nome...potrei sentire Rotundo... "
    DanLut: " Io suggerisco una cosa così: Vincenzo Mella è un asuliario della sosta con un curriculum imbarazzante. Multa un autoblindo schierato in una piazza di NY contro una posse di manifestanti. Sospeso dal servizio. Torna a casa e trova la fidanzata, una nana che ha un blog di gossip, a letto con un baffuto afroamericano che ha un parrucchino imbarazzante come il curriculum di Vince. Mella ha uno shock tale che si chiude in un suo mondo sospeso tra Oz e quello che vide Alice oltre lo specchio. E' un detective che indaga orrori senza nome. Il suo Watson è un gallo parlante. "
    SBE: " ..."
    Nizzi: " Questo chi l'ha perso ? "
    Mignacco ha distrutto il report di quanto è successo in seguito. Pazienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero spassoso... Crepascolo, giù la maschera!

      Elimina
  2. Non sono Mignacco. E nemmeno Luttazzi. Magari. Per dirla tutta sono stato per anni vice apprendista sfrondabetulle negli anni in cui Ramella era un boscaiolo. Un lavoro cbe sviluppa un atteggiamento zen. Quando il mio sensei lascia l'ascia ( e accetta l'accetta , recitava un personaggio di Jacovitti ) per il pennino, ho continuato a seguire il suo lavoro da lontano, dalla cima degli alberi. In fondo per fare i fumetti e per fare gli alberi ci vuole la carta, come direbbe Sergio Endrigo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non pensavo neanche lontanamente che tu fossi Mignacco, o un "interno", ma sicuro qualcuno che conosce a fondo le dinamiche redazionali; Endrigo con me ha toppato, visto che da un pò di tempo ho abbandonato la carta per la tavoletta grafica... che non è neanche di legno, o forse si?

      Elimina
  3. Grazie per i complimento, ma ho solo rielaborato info raccolte in rete o negli albi. In alcune interviste di Faraci e Piani ( non ricordo di quale dei due ) è detto che la testata di Nick Raider era sottoposta ad una cura certosina ( necessaria per rendere credibile un police procedural ). Da una vecchia intervista di Nizzi a UBC - in cui a dire il vero, il papà di Raider parlava della " deriva " boselliana di Tex e di come alla lunga la considerasse pericolosa per Aquila della Notte - ho ricavato altri dati. Sempre da UBC - intervento di Gino D'Antonio - ho preso alcuni spunti : il compianto creatore di Bella & Bronco era consapevole della " semplificazione " operata nell'albo ( un distretto composto essenzialmente di un team ristretto ).
    Mignacco è evidentemente lo sceneggiatore più veloce del mondo ( roditi il fegato Chuck Dixon !).
    Spero che prima o poi - secondo me è solo questione di tempo - SBE ritorni al poliziottesco ( in modalità 21 mo secolo, claro que si ).
    La storia di un infiltrato, per esempio, in una mafia ics. Anni sotto copertura. Difficile capire da quello che dice o fa, se non ha saltato la barricata. Non si fida di alcuni colleghi e probabilmente ha ragione. Niente balloons o dida di pensiero. Il lettore deve decidere con chi ha a che fare da quello che succede nell'albo. Ritmo serrato. Azione realistica. Il protagonista deve avere lo chassis di un Richard Burton anni settanta, non necessariamente butterato. No vamp o dark ladies , ma cortigiane pittoresche come quelle che , almeno da noi, i media hanno reso popolari. No " uniformi " alla Dyd & co per nessuno dei personaggi. Miniserie di sei. Testi di Chuck Dixon o Ed Brubaker. Disegni di Sinis, Parlov e Milazzo. Covers di Mastantuono.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace come la pensi e di conseguenza quello che scrivi. Buon fine settimana a te.

      Elimina